4a edizione 2000

La quarta edizione di Schermi d’Amore (31 marzo-9 aprile 2000) guarda al passato, al presente e al futuro. Al passato ripercorrendo il mito di Giulietta e Romeo con quattro riletture diversissime tra loro: Romeo und Julia im Schnee (1920) di Ernst Lubitsch, da poco riscoperto e restaurato, Giulietta e Romeo (1936) di George Cukor, prima edizione sonora hollywoodiana, Gli amanti di Verona (1948), versione metalinguistica di André Cayatte e Giulietta,Romeo e le tenebre (1959) di Jirì Weiss, ambientato nella Praga occupata dai nazisti.

Passato e presente sono invece sorprendentemente armonizzati nella retrospettiva dedicata al melodramma spagnolo intitolata Storia di una passione nascosta, che copre quasi sessant’anni di cinema, dal 1942 a oggi. Attraverso il melodramma della cinematografia iberica (una delle più vitali dell’ultimo decennio), che consente di mettere in campo contemporaneamente più piani di lettura, di mantenere una forza narrativa unica e insieme di sperimentare interpretazioni altamente simboliche, viene messa a fuoco l’evoluzione della società e del costume in Spagna: da Juan Antonio Bardem a Pedro Almodòvar di cui viene presentato il premio Oscar Tutto su mia madre.

Il presente è tutto negli Amori in (con)corso, dodici film di recente produzione inediti in Italia, e in Panorama, anteprime di prossima uscita e di pellicole misteriosamente ignorate dalla distribuzione.

Il futuro-presente è nella rassegna e nel convegno Bitch! Donne molto cattive, organizzati da Piera Detassis, direttrice del mensile Ciak: la cattiveria da vizio capitale sembra diventare sempre più una virtù cardinale della nuova società e le bad girl che un tempo nei film facevano una brutta fine, ora fanno carriera e si godono il frutto della loro perfidia. Ecco quindi sei pellicole per assaporare il gusto della cattiveria al femminile.

La giuria

Roberto Faenza, regista (Italia) – Presidente della Giuria
Francesca D’Aloja, attrice e regista (Italia)
Frédéric Fonteyne, regista (Belgio)
Marisa Merlini, attrice (Italia)
Gianluca Pignatelli, press-agent (Italia)

I premi

Miglior film in concorso: The Harmonium in My Memory, di Lee Young-Jae (Corea del Sud)
Miglior Contributo Artistico: An Affair, di E. J-Yong (Corea del Sud)
Migliore interpretazione maschile: Gérard Depardieu per Un pont entre deux rives, di Frederic Auburtin e Gérard Depardieu (Francia) e Philip Seymour Hoffman per Flawless, di Joel Schumacher (USA)
Migliore interpretazione femminile: Samantha Morton per Dreaming of Joseph Lees, di Eric Styles (Gran Bretagna)
Premio Giuria Giovani:The Harmonium in My Memory, Lee Young-Jae (Corea del Sud)
Premio Stefano Reggiani dell’ordine dei Giornalisti del Veneto: An Affair, E J-Yong (Corea del Sud)
Premio del pubblico:A Love Divided, di Sydney Macartney (Irlanda)
Riconoscimento speciale al Maestro Mario Nascimbene
Premio speciale a Enrico Lucherini

Annunci